gennaio 10, 2013

tutti quanti voglion fare il jazz

 ... perché resister non si può, al ritmo del jazz ...


Avanzi di sapone divenuti ormai piccoli e sottili, decisamente poco comodi da utilizzare. 
Ed anche, il tentativo pasticciato di tagliare delle saponette per renderle più pratiche ma che hanno restituito ritagli piccoli, imprecisi e sin tropo spigolosi.
Ed infine, non so se capita solo a me, certe saponette di cui non vedo l'ora di liberarmi, per un acquisto non felice o semplicemente per un calo di interesse.

 Ho ripreso quindi la ricetta de La Regina del sapone, che avevo utilizzato per fare il detersivo liquido per lavatrice partendo da un panetto di sapone Alga (http://pochebriciole.blogspot.it/2012/10/panni-sporchi-lavati-in-famiglia.html)




Questi gli avanzi mal assortiti di saponette vissute, più o meno amate.
Si possono scorgere residui di sapone di Aleppo, ritagli di sapone di Nablus e al latte di capra ed infine ricordi di saponette fatte da me (di cui volevo decisamente liberarmi).
Dopo aver pesato il tutto, grazie ad una veloce proporzione ho trovato il quantitativo necessario di acqua.







In un pentolino ho celebrato il matrimonio fra l'acqua necessaria e le rovine di di antichi splendori.
Il cerimoniale è reso solenne da un fuoco dolce e mesoclando con delicatezza.
A causa del fatto che c'erano pezzi un po' più grossi del dovuto, l'attesa per raggiungere l'obiettivo è stata un po' più lunga.







Quando ho ritenuto di aver raggiunto la consistenza giusta, quando anche i pezzi più grossi si sono fusi definitivamente, con molta attenzione ho versato il contenuto in un vasetto di vetro.
La scelta di un vasetto e non di un flacone è dipesa dalla consistenza: leggermente cremosa e piuttosto denso, quasi gelatinosa.










Questo il risultato finale. 
Il barattolo sdraiato vi mostra in modo più chiaro la consistenza del risultato finale. Io la chiamo crema di sapone.
Come la uso? Trattandosi di una festosa accozzaglia, il bizzarro collage di un bambino scherzoso non lo uso certo per il viso.
Essendo cremoso posso aggiungerci del sale fino e farlo diventare uno scrub corpo. Lo utilizzo anche per le mani e, confesso, di averlo anche utilizzato anche per le pulizie di casa (talora addizionato con un po' di bicarbonato per dargli maggior efficacia).

1 commento:

  1. Ciao jackie,

    c'è un piccolo pensiero per te:

    http://fogliefoglie.blogspot.it/2013/01/premio-sunshine-award.html

    RispondiElimina

ho reso possibile lasciare un commento anche a coloro che non hanno un account google o blogger ma, non amando particolarmente i messaggi da "Anonimo", vi prego di firmarvi